stardust in the ocean

Ask me anything   Francesca, from Italy. loony. crazy. ironic. music, literature & art addicted. too talkative. just herself.

deryhana:

 Hai presente quel vecchio detto, chi dimentica il passato è condannato a riviverlo? Bè, io penso che chi il passato se lo ricorda sia messo anche peggio.
 Chuck Palahniuk, Soffocare

deryhana:

 Hai presente quel vecchio detto, chi dimentica il passato è condannato a riviverlo? Bè, io penso che chi il passato se lo ricorda sia messo anche peggio.

Chuck Palahniuk, Soffocare

(via monolocaledietrolastazione)

— 2 days ago with 58 notes
apensartimitremanoipolsi:

scrivimiancora:

laricamatricedisogni:

"La partenza non è altro che l’inizio del viaggio di ritorno verso casa."Venezia.


xx

//

apensartimitremanoipolsi:

scrivimiancora:

laricamatricedisogni:

"La partenza non è altro che l’inizio del viaggio di ritorno verso casa."

Venezia.

xx

//

— 2 days ago with 2381 notes

"Where is this love? I can’t see it, I can’t touch it. I can’t feel it. I can hear it. I can hear some words, but I can’t do anything with your easy words"
Closer (2004) 

"Where is this love? I can’t see it, I can’t touch it. I can’t feel it. I can hear it. I can hear some words, but I can’t do anything with your easy words"

Closer (2004) 

(Source: hittings, via prettypassions)

— 2 days ago with 7922 notes
"L’amore è fiato e sudore
che si mescolano in un letto
mentre fuori piove,
è fiumi di parole
che scorrono su labbra tumide
avide, oscene;
è infilarsi un pigiama nuovo
d’inverno,
è un bagno caldo,
è sesso, senso, essenza,
speranza senza fine;
è un fiore finto,
è paura, menzogna,
polvere al vento,
è una bottiglia vuota
scagliata contro il muro,
e io, io ne ho bisogno,
come del pane.
- Vannuccio Barbaro."
— 1 week ago with 57 notes
mi-mancavi-e-mi-manchi:

Si sentiva il mare, come una slavina continua, tuono incessante di un temporale figlio di chissà che cielo. 
Non smetteva un attimo. 
Non conosceva stanchezza. 
Non consceva clemenza. 
Se tu lo guardi te ne accorgi: 
di quanto rumore faccia. 
Ma nel buio…Tutto quell’infinito diventa solo fragore, muro di suono, urlo assillante e cieco. Non lo spegni, il mare, quando brucia la notte.

mi-mancavi-e-mi-manchi:

Si sentiva il mare, come una slavina continua, tuono incessante di un temporale figlio di chissà che cielo.
Non smetteva un attimo.
Non conosceva stanchezza.
Non consceva clemenza.
Se tu lo guardi te ne accorgi:
di quanto rumore faccia.
Ma nel buio…Tutto quell’infinito diventa solo fragore, muro di suono, urlo assillante e cieco. Non lo spegni, il mare, quando brucia la notte.

— 2 weeks ago with 912 notes